07 AGO alimentazione

Falsi miti: ananas brucia grassi, banana calorica e succhi di frutta

In questo periodo dell’anno una delle raccomandazioni più frequenti in tema di alimentazione è di consumare una buona quantità di verdura e frutta di stagione; la frutta estiva infatti è particolarmente ricca di acqua, oltre che di sali minerali e vitamine, e questo la rende un alimento adatto a qualunque regime alimentare.
Il tema “frutta” è accompagnato da una serie di falsi miti che rischiano di farci assumere abitudini sbagliate nel consumo di questa categoria di alimenti o di far nascere in noi pregiudizi privi di qualunque fondamento scientifico.
Di seguito alcuni tra i più diffusi luoghi comuni riguardanti la frutta.

L’ ananas aiuta a bruciare i grassi 
Non esistono alimenti che bruciano i grassi, esistono invece abitudini alimentari che inducono il corpo a bruciare il grasso di deposito e quindi a dimagrire, ma pensare che ci siano alimenti in grado di bruciare i grassi è un concetto sbagliato oltre che fuorviante.
La parte dell’ananas che mangiamo è costituita per il 90% da acqua e per il restante 10 % da zuccheri, vitamine, enzimi e importanti sali minerali. Le proprietà terapeutiche attribuite all’ananas sono essenzialmente dovute alla presenza della “bromelina”, il principale enzima di questo frutto, che ha attività proteolitica (cioè distrugge altre proteine, in particolare quelle che determinano le infiammazioni) e che conferisce all’ananas proprietà antinfiammatorie. Possiamo invece sicuramente affermare che l’ananas vanta proprietà diuretiche, combatte la ritenzione dei liquidi e favorisce i processi digestivi.

l'ananas aiuta a bruciare i grassi?La banana fa ingrassare
La banana è un frutto demonizzato per via del suo alto contenuto calorico rispetto agli altri frutti e per il suo sapore zuccherino, ma in realtà grazie al suo alto contenuto in fibra è un frutto che ha un potere saziante molto elevato, quindi difficilmente ci verrà voglia di mangiarne due, e dunque è perfetto per uno spuntino salutare e ricco di energia. La banana infatti è ricca di vitamine e sali minerali preziosi, primi fra tutti il potassio e il magnesio, indispensabili rispettivamente per il corretto funzionamento del sistema cardiovascolare e per favorire la ripresa dopo un’intensa attività fisica, quindi mangiare una banana a colazione o a metà mattina è un buon modo per reintegrare le riserve di sali minerali che, soprattutto in estate, a causa della sudorazione possono impoverirsi.
Quindi soffermarsi al solo conteggio delle calorie è limitante, in quanto non tiene conto delle proprietà complessive del frutto che per le sue virtù nutrizionali, si rivela più adeguato di molti snack a basso contenuto calorico per uno spuntino sano e gustoso.

Bere un succo di frutta è come mangiare un frutto
Questa affermazione è falsa in quanto nei succhi di frutta molto spesso sono presenti zuccheri aggiunti, coloranti, acidificanti e conservanti che rendono il prodotto non paragonabile ad un qualsiasi frutto per apporto di sostanze nutritive. La frutta fresca è composta da acqua, vitamine, sali minerali, fibra e una quantità variabile di zucchero, che rendono questo alimento prezioso da un punto di vista nutrizionale e sano nella sua composizione. Quindi ricordiamoci di consumare quotidianamente più porzioni di frutta fresca, tenendo conto che un frutto apporta una discreta quantità di energia e che quindi l’ideale sarebbe consumarlo, come spuntino, nella prima parte della giornata.
Se però non riusciamo a rinunciare al piacere di un succo fresco o se ne troviamo pratico il consumo, prestiamo maggiore attenzione nel momento della scelta, verificando che il prodotto sia costituito esclusivamente da frutta al 100% e che non ci siano zuccheri aggiunti oltre quelli già contenuti nella frutta stessa.

Scritto da: Simona Coach Yukendu
Resta in contatto con noi e soprattutto dicci la tua! Seguici anche su

ISCRIVITI
ALLA NOSTRA
NEWSLETTER

Gratis per te i consigli di Yukendu su come tornare in forma e vivere bene