26 GIU alimentazione

Acidi grassi essenziali: funzioni e alimenti principali

Da qualche anno a questa parte sono sempre più numerosi i dietologi, nutrizionisti e professionisti della salute che sottolineano l’importanza degli acidi grassi essenziali nell’alimentazione.

Gli acidi grassi, che si dividono in Omega-3 e Omega-6, giocano un ruolo fondamentale nella formazione delle membrane cellulari, aiutano a controllare le infiammazioni, la pressione arteriosa e la risposta immunitaria in quanto precursori di eicosanoidi, agenti biologici che regolano diverse funzioni organiche, e sono importantissimi per il benessere e la salute umana.

Più nello specifico, gli Omega-3 abbassano i livelli di trigliceridi nel sangue, incrementano di poco la concentrazione di colesterolo HDL, sono precursori di eicosanoidi buoni, attenuano le reazioni antinfiammatorie e svolgono un’azione antiaterogena e antitrombotica che riduce significativamente il rischio di disturbi coronarici. Gli Omega-6 invece abbassano la concentrazione di colesterolo nel sangue, in particolare del tipo LDL. Tuttavia per assicurare un discreto miglioramento dello stato di benessere generale è necessario garantire un rapporto ideale tra gli acidi grassi Omega-3 e Omega-6.

Gli alimenti più ricchi di acidi grassi essenziali sono senza dubbio i prodotti ittici, in particolare il salmone, il pesce azzurro come l’aringa, la sardina, lo sgombro e il tonno, e l’olio di fegato di merluzzo.

olio acidi grassi essenziali

La fonte vegetale più ricca di Omega-3 è invece l’olio di lino insieme ai suoi semi. Meno ricche ma comunque fonte di Omega-3 sono le verdure a foglia verde, soprattutto i broccoli, i cavoli, la lattuga e gli spinaci, e la frutta secca, nello specifico le noci seguite poi da nocciole e mandorle (solitamente 30 gr di noci forniscono all’organismo circa 2 gr di acido alfa-linoleico). Piccole quantità di Omega-3 sono contenute anche nei legumi, in particolar modo nella soia e nei suoi derivati come l’olio, il latte o il tofu. Tra gli alimenti discretamente ricchi di Omega-3, poco utilizzati in Italia ma diffusissimi in Giappone, spiccano le alghe di mare o d’acqua dolce, mentre alcuni tipi di olio come quello di semi di arachidi, di girasole e di mais, normalmente sostituiti dall’olio d’oliva, contengono buone quantità di Omega-6.

Scritto da: Yukendu
Resta in contatto con noi e soprattutto dicci la tua! Seguici anche su

ISCRIVITI
ALLA NOSTRA
NEWSLETTER

Gratis per te i consigli di Yukendu su come tornare in forma e vivere bene